Smart Working

È una parola inglese composta da smart che significa agile, veloce, dinamico e working che è il gerundio del verbo lavorare.
Quindi: lavorando in modo dinamico o - come dicono in questi giorni gli esponenti del Governo - in modalità "agile".

Riportiamo di seguito la definizione che ne dà il Ministero del Lavoro: "lo Smart Working (o Lavoro Agile) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro; una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorisce la crescita della sua produttività”.

Questa modalità è attiva dal 2017, ma finora pochi vi avevano avuto accesso. Come dicono da più parti, "Il Coronavirus cambierà molte cose dentro e fuori di noi".