Indice Rt

L’indice Rt (si legge “erre con ti”) viene utilizzato per indicare il numero medio delle infezioni prodotte da ciascun individuo infetto dopo l’applicazione di misure di contenimento, cioè in media quante altre persone vengono contagiate da una singola persona malata. Per capire il termine è necessario anche conosce il significato dell’indice R0 (“erre con zero”), che rappresenta invece il numero di persone che, in media, vengono contagiate da una persona con una malattia infettiva all’inizio della diffusione della malattia, e quindi in assenza di misure che possano limitare i contagi. Indica quindi il potenziale che una malattia ha di trasmettersi se non viene controllata. L’indice Rt invece viene calcolato nel corso del tempo e permette perciò di controllare l’efficacia degli interventi adottati nel corso di un’epidemia. Per fare un esempio, Rt=0,5 significa che in quel momento, grazie alle misure messe in campo, 1000 persone infette ne contageranno in media “solo” circa altre 500, invece che altre 1000, e quindi che se questo Rt rimane stabile l’epidemia piano piano va riducendosi. Per un approfondimento scientifico dei valori R0 e Rt e su come sono calcolati potete consultare le risposte alle domande più frequenti date dall’Istituto Superiore di Sanità https://www.iss.it/primo-piano/-/asset_publisher/o4oGR9qmvUz9/content/fa...